Logo Master Stage
  Notizie     
 
             
 
Visitatori
Visitatori Correnti : 79
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Partner


Preferiti

Versioni

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

 
Intervista a DOMENICO NATELLA, regista provocatore e sperimentatore
Inserito il 30 maggio 2007 alle 20:48:00 da angi. IT - CINEMA CORTI E CARTONI
Indirizzo sito : Domeniconatella


Domenico Natella:
eclettico filmmaker, sceneggiatore, artista visivo amante della sperimentazione artistica, nasce a Salerno nel '74 dove si laurea in Lingue e Letterature Straniere con una tesi sperimentale su Andy Warhol e Salvador Dalì, realizza collage presentati in varie mostre e studia filmaking, regia, sceneggiatura e direzione di attori presso la New York Film Academy di Los Angeles e presso “La Escuela de Arte Escenica de Granada“, in Spagna nonché, tra gli altri, consegue il diploma di filmmaker digitale conferito dalla Regione Campania.


In Italia con registi quali Fernando Solanas, Abel errara, Edoardo Tartaglia. E' seguace del cinema indipendente - l’autore di Warhol/Paul Morrissey. Il suo primo corto “Hoy no estoy pa nadie“ partecipa ad una dozzina di festival (tra cui il prestigioso Clermont Ferrand), vince 5 premi internazionali e viene trasmesso da Canale 5, così come il secondo: “Regalos caidos del cielo“ che si aggiudica altri 4 premi, in Spagna e viene trasmesso dal canale televisivo Teleideal. Dal soggetto di quest’ultimo, riprende il tema realizzando uno spettacolo teatrale multimediale dall’omonimo titolo.
Gira altri corti a Los Angeles negli Universal Studios, videoclip per gruppi indipendenti, e video-istallazioni.
Scrive alcune sceneggiature e firma il noir digitale dal sapore visionario: “Fragole a Mezzanotte" e un cortometraggio a tematica sociale finanziato dall' Università degli studi di Salerno. Quest‘ultimo è stato
pubblicato su varie riviste specializzate, in vari siti di tematica e di cinema indipendente.

L'INTERVISTA
Intenso, provocatorio, trasgressivo incontrare Domenico Natella (film maker, sceneggiatore, video artista, poeta etc.)significa trovarsi di fronte . un essere in continua evoluzione; equivale ad entrare in un mondo fatto di luci ed ombre, significa imparare a guardare il mondo da un occhio bambino,mondo, a tratti, improvvisamente tinto di rosso. Nella sua dimensione la parola d’ordine è arte, a tutti i costi: anche se ciò comporta il rischio di rinunciare alla vita.

Incontro Domenico Natella, nella sua meravigliosa casa, contrassegnata da invadenti contrasti di luci ed ombre, quelle luci e quelle ombre tanto presenti nei suoi lavori,. E’ reduce da una ventina di precedenti lavori cinematografici di vario tipo, dal corto al film sperimentale, dalla video-arte al videoclip e video-teatro realizzati in Italia, Spagna e U.S.A. i tre paesi dove Domenico si è formato come regista e sceneggiatore( www.domeniconatella.com) Con i suoi lavori Domenico ha vinto 8 premi e menzioni a festival italiani ed
internazionali. “La sinergia nel cinema è fondamentale“---mi dice

Io parto:..

Ti vedo innanzi a me e mi viene in mente la parola: arte.Cosa significa per te vivere la vita in una dimensione artistica?
Un sogno ad occhi aperti. a volte, un incubo L’arte è vita:. Nell’arte è nascosto il significato stesso della vita, il suo senso, anche quando sembra che ci allontaniamo da essa, L’arte è creazione e la creazione avvicina l'uomo alla divinità generatrice.
E’ metabolizzare la vita stessa, non solo la tua, è connettersi all’energia dell’universo: è cogliere l’istante profondo, il vero battito pulsante del mondo.,il momento del sogno importante tanto quello della veglia!. Entrambi sono aspetti paralleli dell’esistenza.

Il rapporto tra sogno e realtà è presente, in modo frequente, nelle tue opera. La dimensione onirica che valore ha nella
tua produzione artistica?

E’ parte integrante del mio percorso artistico, del processo artistico in sé e, spesso, l’incipit di base .
Altre volte, invece, è un punto di arrivo.

E nella tua opera “Fragole a mezzanotte“ (film underground con l”attrice Margi Villa) che valore attribuisci al sogno? La narrazione, in questo caso, avviene all’ interno di una dimensione reale, onirica o in una dimensione rappresentante l’inconscio?
In effetti, la risposta è compresa nella domanda che mi hai posto, in quanto, nell’ ossessione della protagonista, Lucrezia, trentenne borghese che intraprende un
viaggio allucinato tra passato e presente, la linea di confine tra dimensione onirica, realtà e subconscio, è così confusa da trasformare la sua vita in una non vita, il suo essere in un non essere. Volevo entrare nelle dinamiche della mente ed il film si è trasformato
in un incubo ad occhi aperti., in una discesa agli inferi del nostro inconscio. Il film segue le teorie freudiane in modo viscerale.

Altre tue opere sembrano non lasciare intravedere alcuna speranza , mi riferisco ad esempio al corto “Hoy no estoy pa nadie,(corto spagnolo vincitrice di 5 premi,vedi: www.domeniconatella.com). Hai pensato alla dimensione sociale del lavoro di film-maker?
Si abbiamo un duro compito noi film maker ah,ah (ride) quello d’illustrare la vita , l’umanità di un personaggio, la sua verità, ma in fondo, l'unica verità esistente è che non esiste una verità assoluta. Il film è un mezzo!!!
Penso che in gran parte delle mie opere sia presente un discorso sociale. Quando in Regalos caidos del cielo ( altro corto spagnolo con Mario de la Torre Espinosa, attore e co-autore dell'opera vedi:www.domeniconatella.com) parlo di una coppia a cui viene rubata la privacy per intrattenere il morboso pubblico televisivo.

Un po’ la dimensione del ‘Truman show?
Inevitabilmente! Tutto è frutto della nostra epoca…dicevo, in Regalos, opera in seguito presentata al pubblico italiano in una versione teatrale (con Imma Sorrentino e Danilo Autero, vedi:www.domeniconatella.com) il messaggio sociale è più che mai presente, quasi un richiamo al potere mediologico narrato nel romanzo 1984 di George Orwell . La dimensione sociale è presente anche ne “L'interruzione“,corto-manifesto contro le discriminazioni di genere e di orientamento sessuale (interpretato da Margi Villa, Imma Sorrentino, Sibilla Passi, Margherita Monachesi.)

Temi forti...che un pubblico abituato a prodotti più leggeri o “politicamente corretti“ osserva con difficoltà, ma a renderti angelico, “diabolico” Domenico, è la sua intensa attività professionale di formatore negli istituti scolastici e non solo dove affronti tematiche tutt’ altro che “politicamente scorrette” e forti con un'esaltazione dei “buoni” ed “antichi” sentimenti. Come coniughi queste due anime?
Che ipocrisia!!! Il termine “politically correct“ è un controsenso. L’ arte conserva la sua purezza sorgiva nelle sue forme più pure la politica no!

Intendevo dire che fornisci prodotti che possono turbare i benpensanti…ovviamente la mia era una provocazione…
…stavo al gioco….(ride). Io penso che tutto faccia parte della realtà che ci circonda. L’arte ne rappresenta, di volta in volta, solo una parte, un aspetto, una dimensione, e a volte il suo contrario Allo stesso tempo, credo che il compito dell’arte non sia solo quello di mero intrattenimento, ma sia anche quello di aprire una strada nelle coscienze delle persone. Nel caso del cinema questo avviene per via emozionale. Per quanto riguarda la mia attività di formatore credo che nei corti del progetto
“Giovani Fautori“( progetto di Cristina Buoninfante e Anita Ricci) : “Il mistero della polvere blu“, “Questione di bulli“ e “Super(h) eroe “ credo di aver intrapreso un percorso sociale sin dalla fase di
scrittura dei testi. Credo che tali lavori possano dare allo spettatore un segno dei tempi in cui un adolescente vive e si confronta oggi. Ho voluto lasciare un margine di ironia, di speranza alle storie. Non si vuole illustrare altro che una possibilità di scelta per l'adolescente confuso come l'incontro con un professore che sceglie di salvare uno studente dall'illegalità diventando suo amico, e rivelandogli la sua umanità, i suoi dubbi, la sua crescita. Nella realizzazione di questo progetto, abbiamo avvicinato i ragazzi a tale modus operandi. I ragazzi ne sono rimasti affascinati e colpiti. La maggior parte dei ragazzi non aveva mai recitato, né si era confrontato con le problematiche annesse al cinema, perciò partecipare ad un corto, brillantemente ed attivamente, come attori e tecnici ha insegnato ad i "giovani fautori" tante cose, sia umanamente che tecnicamente; ha permesso loro di sviluppare lo spirito di gruppo e di affrontare la timidezza tipica della loro età. Ad ogni modo, tutto ciò, non ne fa dei registi, né degli attori, soltanto dei ragazzi più avvezzi al mondo delle immagini e forse, per questo, più consapevoli del nostro mondo, del loro, e del mondo moderno in se. Questo è, a mio avviso, un risultato significativo, importante, necessario. Sono sicuro che
quando vedranno i nostri lavori proiettati sul grande schermo i ragazzi si emozioneranno tantissimo e comprenderanno fino in fondo le varie fasi del processo cinematografico.

In che senso?
Credo che la creatività sia l’arma più intrigante per combattere il malcostume della dispersione scolastica a favore dello sviluppo di un'intelligenza emotiva. Non partiva tutto da un sogno? - dicevamo in precedenza... ("La vida es sueno" - Calderon De La Barca)

Quale differenza c?è tra i tuoi cortometraggi e la tua video-arte?
Nella maggior parte dei miei lavori filmici cerco di conservare un livello di visionarietà e di sperimentazione, una visione pittorica, anche se tutto resta vincolato alla storia che voglio raccontare.
Nella video arte (vedi “Birth life and death” con l’attore Antonello De Rosa e “Take off your sin“, con la coreografa americana Rokaya Mikhailenko vedi ho favorito il lato performativo dell’esperienza. Spero di tornare presto a questo mezzo che offre maggiore libertà espressiva e creativa in quanto non sei vincolato ad una storia come per il cinema ma solo all’idea.

Per completare il quadro della tua poliedricità:hai parlato di “Regali caduti dal cielo” versione teatrale, quali differenze hai riscontratoi nella regia cinematografia e in quella teatrale?
Cambia il mezzo , la tecnica, il linguaggio ma il punto di vista del regista può conservare una certa visione di fondo. Il teatro, in genere, viene considerato (per innumerevoli ragioni storiche e tecniche) un mezzo più libero. Alcuni film (soprattutto sperimentali) vi si possono avvicinare ma in un altro modo.

La scrittura è per te la moglie, l'amante o la sorella?
La moglie, l’amante e la sorella, ma anche la cucina, il cuoco, gli ospiti e le portate, perchè tutto parte dalla scrittura e passa attraverso la scrittura. La considero fondamentale. Uno studioso diceva che parte della nostra evoluzione come esseri umani la dobbiamo alla scrittura,
al linguaggio. Ho appena terminato due sceneggiature per lungometraggi scritte a quattro mani .una “Dream on : sogni sospesi a mezz’aria” scritta con Giuseppe Malandrino e l’altra scritta con Rossella Nicolò.

Ma veniamo ad argomenti più futili: come è stato il tuo incontro con il mondo dorato di Hollywood?
Dorato solo in apparenza, in quanto il mio percorso formativo ad Hollywood, è stato duro e significativo,
direi fondamentale e fatto anche di dodici ore di studio al giorno negli “Universal studios“. In America ti insegnano la dedizione e la professionalità per questo lavoro. Dietro i sogni luccicanti della celluloide c’è tutto un duro lavoro.

Vasta la tua esperienza spagnola quali differenze rinvieni tra il cinema spagnolo, quello americano e
quello italiano?

Un buon film è sempre un buon film. Non è forse così?

Il tuo sogno da regista?
Lo sto vivendo: ma è un continuo “work in progress“, senza sosta.

Quali i tuoi riferimenti cinematografici e artistici?
Sono tantissimi essendo io onnivoro, (ride), scherzi a parte ,credo fermamante nella stratificazione della cultura che poi è alla base del sintetismo postmoderno Irrinunciabili: Salvador Dalì, Andy Warhol, Stanley Kubrick, Pedro Almodovar, Madonna, Bjork, Oscar
Wilde, Jackson Pollock, Alfred Hitchcock, Billy Wilder, David Fincher, Abel Ferrara, Derek Jarmann, Federico Garcia Lorca, Paul Morrissey, Freud, Socrate, Aristotele, Epicuro, Byron, Foscolo, Fritz Lang, Kirchner, Ungaretti, Octavio Paz, Kaufmann,Calderon De la Barca, George Orwell, Shakespear, Bill Viola, Frida Khalo, Tamara De Lempitkza, i Motus, Enzo Moscato, Baudelaire, Valere, Apollinaire,
Anais Nin, Martha Grahm, Gregory Corso, i Depeche Mode, i Cure, Prince, Carmelo Bene, Studio Azzurro e...la lista potrebbe continuare.

I tuoi maestri?
Gli artisti, le opere d’arte, i libri, la musica, la vita, la fotografia, le persone intellettivamente intriganti che ho conosciuto durante i miei viaggi e le persone che osservo per strada.

Quale il confine tra arte e follia?
L’arte, il sogno, la follia, e l’infanzia sono gli unici momenti/stati di libertà creatrice che abbiamo a disposizione.

Cosa ritieni assolutamente detestabile?
L‘ipocrisia, la politica rivolta unicamente al bene personale e non al benessere collettivo

Cosa ritieni assolutamente irrinunciabile?[b]
La verità, la spontaneità, la ricerca della felicità, l’umanità di un individuo.

[b]A chi ritieni di dover dire grazie?

A me stesso, in primo luogo. Certo poi potremmo aggiungere mia madre e mia sorella e i collaboratori artistici che mi hanno supportato nelle varie esperienze.

A chi ritieni di dover dire “avevo ragione io“?
A nessuno, ognuno deve fare le sue scelte e seguire il proprio Karma, il proprio destino, il proprio percorso e crescere grazia ai propri errori. L’unico senso che so dare alla sofferenza è che alla fine ci fa crescere e maturare.

Angela D’Onofrio intervista Domenico Natella.

Di seguito il videoclip “Cities and faces” del gruppo rock alternativo Nude diretto dal regista Domenico Natella


 

EMBED :

Torna indietro

 
Club Kayenna
 
Utenti: 1132
Ultimo iscritto : s63dau095
Lista iscritti


Quick Chat

Partner

Partner

Eventi
<
Dicembre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- -- 01 02
03 04 05 06 07 08 09
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 -- -- -- -- -- --


 
 © Kayenna schegge metropolitane aut.trib.sa. N°981 24/04/1997 dir. M.Guarini 
Based on Asp Nuke project