Logo Master Stage
  Notizie     
 
             
 
Visitatori
Visitatori Correnti : 67
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Partner


Preferiti

Versioni

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

 
Fringe Festival 2006: 60 anni di libero teatro
Inserito il 31 agosto 2006 alle 01:31:00 da beatrice. IT - EDINBURGO e i suoi FESTIVALS

Nel lontano 1947 nasceva il Fringe Festival di Edinburgo ad opera di un piccolo gruppo di teatranti che, esclusi dalla rassegna di Teatro Internazionale, diedero vita ad una rassegna alternativa, per lo più ospitata in piccoli spazi poco o per nulla teatrali, le venues. Tre le condizioni per potervi prendere parte: le compagnie partecipavano liberamente, si esibivano in spazi non convenzionali, sopportavano i costi di partecipazione e il rischio finanziario, poiché il successo o l’insuccesso era decretato esclusivamente dal pubblico... (continua clikkando leggi)

Nel corso degli anni, specialmente degli ultimi cinque anni, il Fringe ha assunto proporzioni gigantesche al punto che molte Venues, le cosiddette SuperVenues, hanno dato vita a propri programmi teatrali: fringe tematici all’interno del Fringe.


Per dare un’idea di ciò che il Fringe rappresenta, oggi, nel panorama teatrale internazionale, ricordiamo i numeri del 2006: 1867 rappresentazioni teatrali (di cui il 32% teatro, il 27% commedia, 21% musica, il 4% spettacoli per bambini, teatro danza ed eventi), 261 venues coinvolte.

Se da un lato il Fringe rimane fedele al suo principio, ovvero consentire a chiunque di prendere parte al Festival teatrale senza alcuna selezione, dall’altro proprio questa grande libertà è diventato il suo limite maggiore, poiché data l’enorme mole di offerta teatrale diventa quasi impossibile seguire gli eventi. La stessa guida del Festival non è che un elenco infinito di titoli di spettacoli suddivisi solo per categorie tematiche (teatro, musica, commedia etc.). Così chi non vuole perdere tempo si rivolge alle supervenues: per le nuove produzioni teatrali al Traverse, per la comedy al Pleasance Dome e Pleasance Courtyard e così via. Oppure ci si affida alle testate giornalistiche (the Scotsman, The Guardian, The Herald, The List, Three Weeks etc.) che seguono con grande attenzione il festival, ma anche qui la scelta non è semplice. Le stesse testate tendono ad avere specifiche preferenze di genere teatrale.
La sensazione generale è che vi siano, attualmente, troppi gruppi teatrali, troppe venues, troppo buon lavoro teatrale che rimane senza pubblico. Sembra difficile che si ripeta oggi ciò che era ancora possibile nel 2000, quando uno sconosciuto gruppo teatrale, gli Spymonkies, sbancò il Fringe grazie al solo passaparola.

Sembra risultare, così, ancora valido un vecchio metodo edinburghese: recarsi sulla Royal Mile, dove i gruppi possono promuovere il proprio lavoro teatrale recitandone un pezzo, e scegliere secondo il proprio gusto. Il criterio potrà sembrare farraginoso, ma il risultato è più che apprezzabile, perché spesso ci si imbatte in gruppi teatrali esordienti e ricchi di talento.

Torna indietro

 
Club Kayenna
 
Utenti: 1132
Ultimo iscritto : s63dau095
Lista iscritti


Quick Chat

Partner

Partner

Eventi
<
Ottobre
>
L M M G V S D
-- 01 02 03 04 05 06
07 08 09 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 -- -- --


 
 © Kayenna schegge metropolitane aut.trib.sa. N°981 24/04/1997 dir. M.Guarini 
Based on Asp Nuke project