Logo
  Notizie     
 
             
 
Visitatori
Visitatori Correnti : 149
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Partner


Preferiti

Versioni

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

 
Eiff: 60 anni di impegno per il cinema
Inserito il 30 agosto 2006 alle 13:03:00 da beatrice. IT - EDINBURGO e i suoi FESTIVALS

All’indomani della chiusura del sessantesimo Festival internazionale del Film di Edinburgo (EIFF) ci sembra opportuno ricordare la principale caratteristica di questa edizione: grande spazio ai giovani registi.
Come sottolineato da Ginnie Atkinson (managing director Eiff), nel corso degli ultimi anni il grande pregio del festival di Edinburgo è stato quello di spingere sul futuro, da un lato promuovendo nuovi filmakers e, dall’altro, consentendo al grande pubblico di scoprire nuovi talenti. Così quest’anno gli organizzatori hanno tagliato il festival essenzialmente sulle nuove produzioni, lungometraggi, cortometraggi, docuvideo, senza avere il timore di presentare al pubblico cinematografico film anche scomodi, talvolta brutti, molto spesso sorprendenti.

Con la sola certezza - come sottolinea Shane Danielsen (Artistic director Eiff) - che chi ama andare al cinema, desidera il grande spettacolo della vita, la sua bellezza, la sua tristezza.

Tra i film presentati in anteprima al Festival di Edinburgo troviamo Driving lessons del regista Jeremy Brock, commedia inglese che sicuramente arriverà nelle sale italiane nel prossimo autunno.

Protagonisti di questa commedia, tra gli altri, Rupert Grint (il Ron di Harry Potter), Julie Walters (la madre di Ron nella saga di Harry Potter; Billy Elliot) e Laura Linney (moglie di Truman nell’indimenicabile Truman Show).
La storia ha inizio con un improbabile quanto mai epico fallimento di un esame di guida per la patente: la macchina distrutta e il giovane Ben consolato da una madre che sembra soddisfatta dell’esito dell’esame.
Entriamo così nella vita di questo diciassettenne inglese, figlio di un vicario e di una religiosa al limite del fanatismo, che lo costringe a seguirla nelle sue innumerevoli attività di supporto alla chiesa. Ma sono sufficienti poche scene per comprendere che si tratta di un’apparente serenità familiare e che le lezioni di guida di Ben – ogni giorno alle 18.00 – non sono altro che una valida copertura per la doppia vita della madre.
Il film è un viaggio leggero attraverso gli umani sentimenti. L’entrata in scena di Julie Walters nel ruolo di Evie, l’anziana attrice di cui Ben diventa accompagnatore, è un vero spettacolo nello spettacolo, mentre Laura Linney nel ruolo della madre di Ben è semplicemente “detestabile”. Bravi tutti e bravo il regista, al suo debutto cinematografico, che riesce a tenere, anche nei momenti più drammatici un tono distaccato.

Torna indietro

Commenti
1 Commento

Microsoft VBScript runtime error '800a000d'

Type mismatch

/webtv/includes/comments-inc.asp, line 66